// Panasonic G9 Professionale per Foto.

Il marchio Panasonic-Lumix è sempre stato forte, anzi, fortissimo, nel campo video. Con soluzioni complete per tutte le tasche, il marchio giapponese ha conquistato videomaker di ogni rango ma non ha mai fatto completamente breccia nel cuore dei fotografi, da sempre più orientati alle controparti Olympus. 


La nuova ammiraglia Micro 4/3 che promette battaglia alla Olympus Em1-2




La Panasonic G9 arriva, non dopo qualche mese di preavviso, a colmare questa lacuna e conquistare schiere di nuovi appassionati.

Innanzi tutto c'è da fare qualche precisazione.

E' una cosa che odio profondamente, ma ormai è una consuetudine di molti marchi, quella di rimescolare le nomenclature dei propri prodotti.
Seguendo un filo logico, questa G9 dovrebbe seguire la serie originaria G, da sempre più fotografica,ma di rango mid-level (G5, G6, G7) che però, recentemente ha cambiato nome in G80/85.

La G8 si è persa nei meandri degli uffici degli ingegneri nipponici, ed ecco che quindi la G9 fa il salto di qualità e diventa l'ammiraglia fotografia, a braccetto con la sempre ottima GH5 fino ad ora l'ibrida perfetta per foto e video.




C'era davvero bisogno di questa G9? Considerando il salto di prestazioni che il sistema m43 ha fatto negli ultimi mesi, probabilmente si, anche perchè la Em1 mark2 sta piacendo davvero a tutti. Serviva quindi una alternativa in "casa" di pari prestazioni, e la G9 si propone proprio questo: essere l'alternativa alla Em1-mark 2, con un altissima efficenza di autofocus continuo, un corpo estremamente robusto e resistente e prestazioni ad alto livello in ogni campo.

Se avrò modo di testare sul campo la nuova G9 sarà lieto di poter offrire un giudizio anche sulle prestazioni fotografiche (fondamentalmente non mi aspetto miracoli rispetto alle attuali macchine in commercio con sensore similare), mentre in questa sede voglio soffermarmi su alcune considerazioni da "primo impatto".

Il corpo è davvero grande, o almeno per una mirrroless micro4/3. Sembra di impugnare una reflex di gamma media. La costruzione è ottima, con un grande senso di qualità e cura dei dettagli. La macchina è progettata per resistere a condizioni meteo avverse e in mano da un senso di estrema robustezza. 

Quello che mi è piaciuto molto è la quantità di interruttori presenti sulla macchina che permettono una gestione diretta delle principali funzioni più comuni (Af-s, c), modalità di scatto, ISO, WB, etc. tutto è a portata di dita.
Nella parte anteriore, vicino il bocchettone di innesto, c'è un piccolo interruttore per disattivare il "beep" dell' autofocus: comodissimo.

Il mirino è grande , grandissimo e di ottima qualità, ovviamente di tipo elettronico (EVF).

In queste due immagini prese dal web si nota come l'impugnatura pollice-indice non sia proprio comodissima. 

Lo scatto è perfetto: rapidissimo, istantaneo. L'otturatore (molto molto simile a quello della EM1) è silenziosissimo e offre una percezione di precisione nello scatto davvero eccellente. La cura riposta in ogni aspetto è davvero encomiabile.


Grande e comodissimo l'ampio oculare in gomma. Ottimo

La G9 è la prima e unica mirrorless, al momento, ad offrire un layout simile a quello di una reflex tradizionale. Nella parte superiore della scocca, infatti, trova posto un display di stato LCD monocromatico che mostra dati e impostazioni di scatto. La scelta, giusta o sbagliata, di fare il verso a macchine più classiche , troverà estimatori e non: personalmente lo trovo abbastanza inutile per come è concepita una mirrorless, ma sarà il tempo a dirci la verità.


Un aspetto, che proprio non mi  è andato giù, però, è la disposizione delle due ghiere: la posizione scelta è scomoda e per poterle usare entrambe con l'indice e il pollice occorre una torsione del polso molto fastidiosa: Per intenderci hanno mixato il layout canon (ghiera indice) e quello nikon (ghiera pollice) comodi entrambi singolarmente, ottenendo  una disposizione poco comoda, a mio avviso (e non solo). Poca roba? Non lo so. Da professionista, se devo usare per ore e ore un attrezzo, la prima cosa che chiedo è che mi sia comodo e non stressi il fisico.
La Em1  ad esempio calza come un guanto su qualsiasi mano, questa decisamente meno (la cosa strana è che è la prima Panasonic a soffrire di questa disposizione. Sono sempre state molto comode) Forse è solo questione di abitudine, ma mi sento in dovere di evidenziare.

Come tutte le recenti top di gamma, anche la G9 ha il doppio slot SD compatibile con tutte le nuove schede ultra veloci e una batteria di grande durata. Infine,la possibilità di montare un battery grip(ufficiale) rende la configurazione ancora più "pro" e adatta ad usi intensivi di ogni genere.



Dimensioni e peso potrebbero scoraggiare qualcuno, ma visto il target cui si rivolge e l'uso decisamente orientato a sport e caccia fotografica con lenti lunghe e lunghissime (100-400 leica, nuovo 200mm f/2,8 ) direi che va bene così. In fondo c'è la G80 per chi vuole un pò meno.
Costruzione e prestazioni al top, quindi,  e qualche perplessità sulla ergonomia:  Così si presenta ai blocchi di partenza la nuova G9 Lumix e, tutto sommato, va bene così. 

Per chi fosse interessato, qui trova tutte le caratteristiche tecniche ufficiali




Si ringrazia Photoshop Parma per la collaborazione


Nessun commento:

Posta un commento

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.