// Novità

Qualche anno fa ebbi il coraggio di fare una scelta. Ero stufo del modo in cui le mie giornate da dipendente si susseguivano una dietro l'altra; stanco del non poter seguire i miei interessi; arrabbiato nel vedere una serie ormai infinita di anni scivolare tra le dita senza avere più il controllo del mio tempo. Feci una scelta che, poi, per tutta una serie di eventi fu ammortizzata da una gran colpo di fortuna che mi ha portato a poter esercitare parzialmente la mia professione fotografica senza perdere qualche privilegio da dipendente.

E' la fine di una "era", ma non di quella fotografica :D


Però, come tutte le soluzioni di transizione, anche questa non poteva essere "forever" e difatti eccoci qua, nuovamente al bivio. Tuttavia, la direzione è già stata scelta.
Tra pochissimi giorni, se non proprio ore, smetterò completamente il mio rapporto da dipendente con la "nota catena di elettronica" per cui ho prestato servizio per tanti anni.

E' davvero alla frutta il periodo della mia adolescenza lavorativa. Si entra in una fase più matura e consapevole in cui, almeno per il momento voglio concentrare l'attenzione su me stesso. Basta direttive, procedure imposte dall'altro, soluzioni a pacchetto per qualsiasi situazione... nel corso di più di 15 anni di lavoro a contatto con la clientela più svariata ho capito tante cose che adesso è il momento di mettere in pratica.

A questa notizia ho ricevuto le reazioni più svariate tra di loro e, sicuramente, quelle che ho apprezzato di più sono state quelle che suonavano come "complimenti!! ", "sono contentissimo/a per te". I dubbi, le domande, gli interrogativi sul futuro, me li ero già posti (anche se per qualcuno sembra impossibile) e quando si fanno scelte così non ci si vuol certo sentire dire "ma ci hai pensato bene?". Il terrore di lasciare un posto fisso (che poi tanto fisso non è più se si segue un pò il mercato del lavoro la situazione di tal ditta non è più top-secret) annebbia la capacità di giudizio. 
Poi, chiaro, sarà il tempo a dire se ho fatto bene, male, pazzia o mossa assolutamente geniale ma, al momento, era quello che andava fatto.

Circa 4 anni fa, al porsi del bivio, ricevetti "il segno" sulla strada da seguire; adesso è il momento di proseguire quel cammino che, nonostante i week end "liberi", mi è costato sacrifici e impegno su molti fronti.

Una cosa, fin da adesso, la posso dare per certa: quando qualcuno insegue i suoi sogni con tutto se stesso non sta mai facendo una cosa sbagliata. E infatti io sono FELICE.
L'altro giorno, quando ho comunicato la notizia a dei miei partner lavorativi mi hanno detto "erano mesi, che non sorridevi così" e non avevo ancora aperto bocca.
Se conoscete qualcun altro che sta facendo scelte drastiche, un pò fuori dalla normale routine del modo di pensare comune, serenamente, in piena libertà, congratulatevi con lui/e perchè è una persona che sta riprendendo il controllo della propria vita.

Detto questo, aspettatevi notivà su tutti i fronti. E buona fortuna a me.

Nessun commento:

Posta un commento

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.