// ci risiamo.... Total Change

Ci risiamo. L'aria di primavera è veramente incredibile per queste cose... in realtà è inutile cercare giustificazioni esterne. Le motivazioni, questa volta vengono dal di dentro, anzi, dalla schiena direi. Fondamentalmente mi sono accorto di come la qualità delle mie foto non è migliorata utilizzando attrezzature grosse e pesanti, megapixel a tonnellate e il tanto decantato full frame, mentre mi sono accorto di quanto ultimamente le mie borse abbiano iniziato ad essere "pesanti".



Mi consolavo pensando "tanto è per lavoro" ma in effetti, perchè soffrire come un mulo da soma? Loro erano sempre li, nel cuore. Quei colori, quella brillantezza, quella nitidezza che nessun altro sensore è riuscito ancora ad eguagliare... ed ecco la tragica idea. Chiedere una valutazione per un cambio corredo in permuta. Ormai il cervellino si era messo in moto, non si poteva arrestare.

Ieri pomeriggio sono voluto andare a provare con mano, però, la nuova attrezzatura, prima di fare per davvero il grande passo. Volevo capire se stessi facendo una pazzia o se aveva senso. Ho impugnato per la prima volta, davvero con attenzione una EM-1, ed ho ritrovato la magia. 
La magia di una macchina pensata per funzionare, pensata per essere massacrata, pensata per essere sempre con te in qualsiasi condizione. Un autofocus FULMINEO, un versatilità mai vista. Le dimensioni? Perfette. Nè grande, nè piccola... con il 12-40 una vera macchina da guerra, con il 40-150 una roba mai vista. Ho preso dei dettagli a 300mm in interno a 1/40 sec di una nitidezza PAZZESCA.

Non rinnego quanto fatto fin ora, è semplicemente il momento di evolvere, di migliorare, di semplificare, di spostare nuovamente l'ago dell'attenzione dalla attrezzatura a me. 
Perchè essere più veloci, più comodi, più efficienti significa essere fotografi migliori, più attenti, meno stanchi a fine giornata.
il 24-70 Zeiss mi mancherà, ma ormai aveva bisogno di una A99 per poter dare il 100%.
l'80-200 Minolta, il grandioso Biancone, cominciava a mostrare limiti di età, sopratutto sul versante AF continuo e distanza di maf minima: i 20 e passa anni iniziano ad essere un limite importante
Anche l'85 Zeiss, al top della qualità nel genere, è un "mattone" da portarsi dietro tutto il dì per magari un paio di ritratti. Impagabile la resa, ma troppo, troppo peso. 
E quindi? 
Ridimensionare. Semplificare. Velocizzare.
Queste dovrebbero essere le parole d'ordine attuali nella fotografia. Certo, potevo rimanere sul sistema E di Sony, ma nessuna combinazione rispettava nè il budget, nè le richieste di quello che volevo. 

In questi anni il sistema Olympus è maturato definitivamente e posso di nuovo puntare al top della qualità senza mezzi termini, cosa che ho sempre adorato della casa giapponese. La loro top di gamma, attualmente la E-m1 ha un prezzo accessibile e non ti lascia l'amaro in bocca del "però c'è il modello superiore che...". 
Ecco il nuovo dream team nel dettaglio.

EM-1 + BG
EM-5 Special Ed. + BG
Zuiko 12-40 pro 2,8
Zuiko 40-150 pro 2,8
Zuiko 45mm 1,8
Zuiko 25mm 1,8
1/2 flash
a seconda di come si incastreranno un paio di cose potrebbe esserci anche il 17mm 1,8

Nessun commento:

Posta un commento

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.