// Sony & Olympus: la strana coppia

Nel corso degli scorsi mesi, sono successe un pò di cose in termini di acquisti e vendite di materiale. Ho già più o meno raccontato tutto, passo passo, man mano che qualche nuovo pezzo entrava in famiglia e qualcun altro abbandonava la nave.
Quello che non ho detto, credo, è che al momento sono senza mirrorless e/o compatte di alta qualità.
Nel corso degli anni ho cercato sempre invano un sistema che potesse essere "La soluzione" portatile, e l'avevo anche trovata nel sistema m4/3 di Olympus.
Il problema, come sempre, è che ricercando una qualità sempre migliore mi ero iniziato a trovare, anche in questo caso, a disporre di lenti, accessori, etc, e quindi il vantaggio iniziale si era man mano perso.

Quando ho dovuto decidere cosa sacrificare per finanziare l'acquisto della A77, non ho avuto grossi dubbi. Il ciclo di vita delle mirrorless è rapido. I modelli si susseguono veloci, molto più veloci delle reflex, e questo rende il loro valore molto poco duraturo nel tempo. Il 45mm 1,8 e la EPL1 mi mancano moltissimo, e non escludo un ritorno di fiamma appena possibile ma per adesso Olympus deve dare una dimostrazione di forza e coerenza, altrimenti sarà abbandonata.

Come ho avuto modo di dire più volte il sistema 4/3 è in un limbo da cui sembra non voler uscire. Il comunicato stampa ufficiale di questi ultimi giorni in cui veniva confermato (o meglio, veniva smentito l'abbandono del sistema) l'impegno a favore del sistema reflex non è che abbia portato grande fiducia. Anzi. Ok, non lo abbandonate, ma cosa fate a proposito? Nuove lenti? Nuovi corpi? Supporto assistenza per altri 10 anni?
Il sistema E-system venne lanciato circa 10 anni fa in occasione della commercializzazione della E-1. 10 anni nel mondo della fotografia sono pochissimi, e chi ha investito dei soldi (e per soldi, non intendo certo i 1000€ di un corredino standard amatoriale) non può essere abbandonato. Quindi? 

Quindi, nulla. Si vocifera, si chiacchiera, si legge di probabili sviluppi in una famiglia ibrida che riesca a essere micro4/3 e 4/3 assieme. Ma non era molto più semplice prendere la E-5 (ancora eccellente), prendere il sensore della OMD (o il prossimo derivato) metterli assieme e fare a costo quasi zero la prossima ammiraglia? Poca spesa, molta resa? Era la mossa più ovvia che ci si aspettava, e invece il nulla. Intanto il valore dell'usato crolla, le attrezzature attuali valgono pochissimo e la richiesta scema sempre di più. E questo è un altro fattore che crea urgenza di risposte.

Io sono un fan della mia attrezzatura nel senso che, ovviamente, credo nelle sue qualità e potenzialità (altrimenti sceglievo dell'altro) ma allo stesso tempo mi reputo abbastanza oggettivo. E l'oggettività in questione mi ha fatto iniziare a propendere per un piano B, come già detto, ossia Sony.

Sony ed Olympus che sulla carta non hanno nulla in comune, hanno invece più punti di contatto di quanto si possa pensare. Innanzi tutto sono due case che osano, che sperimentano, che provano a spingere più in la la tecnologia.
Moltissime delle innovazioni nel campo della fotografia digitale sono state introdotte da Olympus, nel corso di soli 10 anni, appunto, e Sony sta spostando il discorso Reflex sul discorso translucent mirror che non si apprezza in pieno finchè non le si prova direttamente.
Sono inoltre due case che hanno la stabilizzazione ottica direttamente sul sensore (una vera comodità cui non voglio rinunciare) e infine, da qualche mese, sono in partnership per la produzione di non-si-è-ben-capito-cosa, e questo porterà sicuramente vantaggi (il sensore miracoloso della OMD è Sony, per esempio).

I problemi di convivenza non sono pochi. Ad iniziare dal formato 4:3 contro 2:3 ad esempio. Differenza enorme di risoluzione tra i due sistemi. Eppure per adesso, sento di aver fatto la scelta giusta. nei prossimi mesi, sicuramente sarà il sistema Sony quello a beneficiare di più coccole. Almeno finchè Olympus non annunci davvero qualcosa di nuovo (serio) gli investimenti sul quel fronte saranno ZERO,  anzi probabilmente il sistema verrà snellito per finanziare altro.
Ero, (in realtà sono), tentato di prendere una E-5, ma se questa si rivelasse l'ultima grande reflex Olympus significa che nel giro di pochi anni sarebbe anche abbandonata come assistenza, senza contare che nonostante i 12 megapixel siano più che abbondanti nella teoria, sembrerebbero troppo pochi rispetto ai mostri macina pixel di nuova generazione (purtroppo a volte anche l'immagine che dà la propria attrezzatura in termini di modernità, è importante).

Ma perchè allora non passare a Canon o Nikon? Canon, no. ci ho messo una croce sopra. Nikon... bho, sarebbe valutabile, come lo era prima di prendere Sony. Sono case che hanno delle politiche che non approvo. Sarà che un pò stare nella nicchia mi piace, ma il mainstream non ha mai fatto per me, e di solito le cose valide non sono "di massa".

3 commenti:

  1. Ugo, io sono uno di quelli che faceva parte del mainstream, è passato alla nicchia ed infine è tornato al mainstream. La nicchia era molto valida, ma i due "blasoni" devo dire che per motivi diversi (a volte anche la semplice assistenza) mi hanno semplificato la vita. La dimostrazione dell'efficacia di Sony/Olympus è ben visibile dalle tue eccellenti immagini.

    RispondiElimina
  2. grazie Paolo per i complimenti :)
    pensa che proprio oggi mi è andato a quel paese un colloquio con uno studio fotografico perchè la mia "attrezzatura" non sembrava all'altezza. Ti dirò: da un lato capisco, dall'altro mi pare un pò "leggero" come atteggiamento.

    RispondiElimina
  3. Capisco....Poi ti dicono pure che la fotografia è anzitutto visione e creatività....Conosco diverse agenzie anche microstock che "discriminano" le immagini a seconda dell'attrezzatura utilizzata. Che gli vai a dire.....

    RispondiElimina

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.