// Scegliere il corredo e l'attrezzatura - pt 2

Una vasta scelta di prodotti


Come sempre accade cataloghi di prodotti molto ampi, anziché semplificare la vita, confondono le idee e rallentano la scelta. Se avete sviluppato i punti sopra descritti bene o male avrete una idea chiara di che tipo di risultato volete ottenere e a che costo. Facciamo tuttavia una breve panoramica su come i vari produttori gestiscono il loro catalogo.
Generalmente le fotocamere (reflex e non) sono divise in tre grandi categorie commerciali: le entry-level, semi-pro e le pro. 
Secondo le linee di pensiero e marketing dei produttori le categorie di utenti di foto-amatori, utenti evoluti e professionisti necessitano di prodotti ben distinti tra loro, come prestazioni e come prezzo: ma è davvero così?
Innanzi tutto negli ultimi anni si è iniziata a verificare una strana anomalia di mercato, con la comparsa di altri modelli intermedi tra le varie categorie. 
tra una entry level e una medio livello iniziano ad esserci degli step intermedi (di dubbia utilità se mi è permesso) che dovrebbero coprire delle lacune e avvicinare gradualmente gli utenti dal "basso" verso  "l'alto" senza grossi traumi.
Ecco quindi due megapixel in più qua, il display che gira là, la possibilità di aggiungere un "vitale" accessorio che sul modello precedente non era possibile, etc etc.
Attualmente il caso più eclatante di questa filosofia (ma sono sicuro che anche la concorrenza non tarderà a bissare) è rappresentato da Nikon, che tra i 500 e i 1000 € propone quasi 10 modelli!!!! Immaginatevi di trovarvi davanti alla vetrina del vostro rivenditore di fiducia a provare a capire quali reali vantaggi potrà darvi un prodotto che costa 50€ in più o meno.
Situazione complessa decisamente.


A questo punto va anche fatta una considerazione. i prodotti a catalogo di un produttore non hanno tutti lo stesso ciclo di vita. Una macchina professionale, ad esempio, resiste a listino anche 4 anni prima di essere aggiornata, mentre il tempo di vita di un modello primo-prezzo è assai inferiore (si sono visti casi anche al di sotto dei 12 mesi!!!).  Questa situazione genera uno squilibrio nella scala gerarchica (agli occhi dell'acquirente comune) poiché succede di trovarsi con una entry level da 20mpx e macchine professionali che ne costano 10 volte con la metà di pixel.  Ecco perché avere le idee chiare su cosa serva è fondamentale per fare un buon acquisto che duri e soddisfi nel tempo.


Il miglior modo per stabilire quale sia la fascia di prodotto che faccia al caso proprio è partire dal tipo di affidabilità che si richiede al prodotto. Molto spesso (anzi, quasi sempre) la differenza tra una macchina che costa 2000€ e una che ne costa 600 non è nella qualità di immagine, nella "nitidezza", o altri parametri che l'utente comune valuta come fondamentali.
Un prodotto che si rivolge a utenti professionisti (o quasi) poggia innanzi tutto su una meccanica e una affidabilità costruttiva in grado di sostenere sessioni di uso intensive e prolungate, situazioni meteorologiche avverse, velocità di funzionamento più elevate. tradotto in soldoni servono a sbagliare il meno possibile e ad aiutare il fotografo a non rimanere in "panne" nei momenti più complicati del lavoro. sono, in pratica, strumenti di lavoro.a questo si aggiunga una vita media dei pezzi di ricambio superiore, maggior assistenza tecnica nel tempo (mi è capitato di far riparare una macchina professionale a pellicola dopo oltre 20 anni dal produttore e non hanno battuto ciglio) e tutta una serie di vantaggi che inizialmente si fa fatica a capire ma che con l'esperienza diventano fondamentali.
Il sensore di immagine ad esempio, molto spesso, è lo stesso che equipaggia più modelli anche di prezzi diversi, rendendo di fatto il cuore della macchina molto simile per prestazioni agli altri (ci possono essere però differenze nel processore di immagine che porta altri tipi di miglioramenti).


Se il vostro obiettivo è prendere la macchina fotografica con voi quando si va in vacanza o alla domenica per fare delle belle foto è molto probabile che tutto ciò non vi interessi minimamente, anzi, troverete decisamente più comoda e gestibile una fotocamera più leggera e meno "corazzata". 


Attenzione però. se il corpo macchina è troppo piccolo o leggero potreste trovare difficoltà nell'utilizzo di ottiche specialistiche, come ad esempio lunghi teleobiettivi.  valutate ogni aspetto della scelta e non dimenticate mai di far riferimento sempre a che tipo di immagini volete cogliere principalmente.


Fatta questa doverosa precisazione vedremo, dalla prossima volta, la tipologia di prodotti offerte, le caratteristiche che le differenziano maggiormente, le novità che stanno arrivando e che finalmente stanno iniziando a riscuotere il successo che meritano.




(continua)

Nessun commento:

Posta un commento

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.