// Fidarsi è bene...

... non fidarsi è meglio, dice il saggio. E il saggio, bene o male, ha sempre ragione.




Puoi prendere tutte le precauzioni che vuoi, portarti dietro tutti i corpi macchina di backup che (paranoicamente) stimi sufficienti per coprire eventuali disastri. Ma l'imprevisto è sempre dietro l'angolo, infido e subdolo, pronto a colpire.


Stai usando tranquillamente le due macchine principali, le alterni come sempre con focali diverse innestate. Ad un certo punto ne riponi una, continui con l'altra. Tutto ok.
Finisce la cerimonia, si inizia a fare qualche ritratto, serve una focale più adatta e torni a prendere la macchina n 2 che fino a 2 minuti primi non dava alcun problema. Posizioni gli sposi, inizi a scattare.
Nessun problema.
La macchina focheggia, scatta, visualizza l'anteprima dello scatto nel mirino.
In genere, quando una macchina decide di non funzionare, smette di farlo: errore, blocco, nessun segno di vita. Il problema si può manifestare in tanti modi, ma si manifesta!!!

Subdolo è quando invece te ne accorgi dopo un paio di minuti, guardando distrattamente il display e vedo una attività frenetica della memory card assolutamente ingiustificata!
Conclusione? Nessuna foto salvata!

Questa è una situazione davvero, ma davvero, pericolosa. Perchè senza un segno tangibile di malfunzionamento, se si è abituati a non guardare molto il display, si potrebbe andare avanti parecchio a scattare senza mettere niente sulla card!!! Pericoloso!!!

Non vi sto a raccontare il panico e il successivo sollievo quando ho realizzato il problema, prima, e l'entità tutto sommato ridotta del danno, poi: mai come in quel momento ho maledetto le memory card e l'elettronica in generale.
E non è un problema di schede SD (generalmente indicate come inaffidabili e delicate) perchè ho avuto (e non solo io) problemi anche con le CF: semplicemente non si può mai essere pronti a tutto.

Una delle cose che davvero mi aspetto dalla prossima generazione di ammiraglie Olympus è la presenza del doppio slot di memoria.

Penso si sia trattato di un problema di memory card, in definitiva. La macchina poi ha ripreso a funzionare bene per tutto il servizio (ma ho cambiato la memory card, per sicurezza). Forse con il doppio slot questo problema non si sarebbe verificato e almeno una delle due schede avrebbe scritto i dati, ma non è detto. Non so se i dati vengano mandati contemporaneamente da due buffer separati (in questo caso probabilmente avrebbe funzionato) o se viene solo eseguita una copia della scheda 1 sulla 2 (in questo caso, se copi niente non trascrivi niente, immagino).

In ogni caso, nonostante ci possano essere imprevisti incontrollabili e, appunto, non prevedibili, è nostro dovere di bravi professionisti scongiurare al minimo ogni possibile rischio.

Vi elenco alcuni dei miei accorgimenti:

- Utilizzo solo schede di marca, in genere Sandisk e Kingstone e possibilmente di fascia medio-alta (non mi servono prestazioni eccellenti nel video)

- Formatto sempre le schede di memoria nella macchina fotografica in cui saranno utilizzate. Mai sul PC

- Al termine di un "parziale" importante, cambio la memory card, mettendo quella estratta in un porta memory card robusto (antiurto e impermeabile) e da lì non la toglierò nè utilizzerò più nella giornata

- Porto sempre con me 3 corpi macchina e obiettivi che possano garantirmi la copertura delle focali più utilizzati in caso di problemi. Ad esempio per sopperire eventuali problemi del 12-40 posso affidami ad una coppia di fissi (ma recentemente mi sono procurato un ottimo 14-54 pro 4/3 a un prezzo ridicolo)

- Porto con me batterie e pile in quantità più che sufficiente per il doppio di quello che mi serve.

- Il primo back up delle schede sul PC lo effettuo solo, il giorno successivo, in condizioni di massima calma e serenità operativa. Non cancello le schede originali finchè non ho almeno 2 copie di backup su due dischi distinti. NON lesinate schede di memoria: costano poco, compratene in quantità e fatele roteare nell'uso.

- Prima di usare una scheda di memoria nuova la provo preventivamente e ripetutamente (periodo di prova) onde evitare brutte sorprese (capita anche con le schede nuove, che siano difettose). Quando una scheda di memoria mi tradisce, la marchio in maniera univoca e non la uso più per scopi seri.


Nonostante tantissime precauzioni, il problema può sempre verificarsi. Ma almeno saremo tranquilli di aver fatto tutto quello che era in nostro potere per scongiurare al minimo il pericoli.

1 commento:

  1. Purtroppo capita e capita anche con il corpo macchina questo anno in Olanda la mia M10 morta all'improvviso
    Meno male che avevo M1 ( che ora non ho più )che funziona sempre .

    RispondiElimina

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.