// W O R K S H O P - 20 . 3 . 2016

E ci siamo, finalmente. Eccoci a tirar le somme dell'intensa giornata di domenica scorsa che ha visto 8 baldi partecipanti prendere parte alla prima giornata dedicata al ritratto, per questo 2016.
Diciamolo subito, peccato per chi è mancato! A quanto pare l'esperienza è stata altamente positiva e divertente per tutti i partecipanti, oltre che istruttiva (non me lo sto inventando, me lo hanno detto loro)

Villa del Ferlaro, Collecchio PR. E' stata la sede del corso


I partecipanti hanno preso parte ad una giornata formativa strutturata in maniera abbastanza varia. Alternando parti di teoria a sessioni pratiche (queste ultime concentrate nella seconda metà della giornata), ho accompagnato il gruppo a muovere i primi passi nel mondo del ritratto. 


Relazionarsi con il proprio soggetto ma, prima ancora con sè stessi; sviluppare una visione più autoriale della fotografia; saper comunicare bene e in maniera concisa con il proprio soggetto etc etc. Questi sono stati i pilastri su cui si è poggiata la parte iniziale del corso, oltre, ovviamente ad una analisi e introduzione di efficaci metodi di illuminazione.
 Ad intervallare lo svolgimento classico del corso ci hanno pensato delle brevi esercitazioni volte a sviluppare determinati obiettivi.




Nella giornata ho inoltre messo a disposizione e fatto alcune dimostrazioni con accessori vari ed illuminatori. Poichè uno degli scopi che mi prefiggevo era proprio quello di mostrare come ottenere "molto" ma con comodità e senza spendere un patrimonio, l'attenzione è stata rivolta a sistemi di illuminazione minimalisti, economici e pratici. Ottenere tanto, con poco, insomma. 





La seconda parte della giornata ha visto il gruppo dividersi in due, uno per modella. Cristina e Celeste hanno seguito le indicazioni del capogruppo (fotografo) che si alternava con gli altri  ogni 10 minuti circa. Le due unità si muovevano come un piccolo team: chi non scattava faceva da assistente muovendo le luci ed i pannelli secondo le direttive del fotografo (o mie, se dovevo intervenire).
Menzione e applauso anche per Grazia Sole Masdea (mua)  che ha curato il look delle ragazze, dispensando anche, in un siparietto a lei dedicato,  consigli pratici e tecnici relativi ad un buon make up, aspetto sempre fondamentale per una buona pianificazione di un ritratto 

Riporto, e non senza un pizzico di orgoglio, alcune delle dichiarazioni raccolte al termine della giornata o nei giorni successivi:


Per migliorare ulteriormente un buon ritratto occorre post produrre con attenzione: ad esempio in questo caso la mano ha una tinta, dovuta al freddo, diversa dal resto del corpo. Va sistemata


"Grazie di tutto per ieri, Ugo. E' andata meglio di come mi aspettassi"

"Mi è servito molto perchè non sapevo nulla del ritratto e, a fine giornata, mi sento più fiduciosa e stimolata a sperimentare questo genere"



"Docente simpaticissimo e preparato con ottima capacità comunicativa, semplice e chiaro nell'esposizione. Esperienza da ripetere"




il 100% dei partecipanti consiglierebbe l'esperienza ad amici e il 100% parteciperebbe al altri corsi con il sottoscritto.



[tutti i ritratti nel post sono stati realizzati dai partecipanti]




Per informazioni sulle mie attività, corsi, workshop (anche individuali)
potete contattarmi direttamente tramite 
email: info@ugobaldassarre.com

www.ugobaldassarre.com


il 14 Aprile sarò ospite di Parmafotografica, alle 21,15 circa. Ingresso libero



Nessun commento:

Posta un commento

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.