// Yongnuo Flash System

Per Natale mi sono regalato/fatto regalare un piccolo "upgrade" del mio sistema flash "minimalista". Se già l'adozione dei Godox Type S (leggi qua) aveva semplificato la vita, il passaggio a sistema Yongnuo lo ha ulteriormente migliorato. 
Il mio nuovo sistema flash 




Yongnuo è un brand cinese che nel giro di pochi anni si è conquistato l'affetto e la stima dei fotografi di ogni ceto ed età. I loro prodotti sono esteticamente identici a ben più famosi brand (il loro flash più venduto è identico alla serie 580 Canon) ma le differenze finiscono qui. 
Nello specifico la mia attenzione è stata catalizzata dalla combo YN-560 TX e i flash YN-560 III. Il primo è un commander, ossia un dispositivo in grado di gestire da remoto altri flash, mentre lo YN-560III è la terza versione dell'ormai notissimo e vendutissimo flash della casa, completamente manuale. La novità dei flash mark III è quella di avere già al loro interno i trigger radio, e questo permette loro di essere completamente pilotati a distanza dal 560 TX. Bello vero? Di più.


Immaginate di posizionare il vostro flash e poter controllare zoom della parabola e potenza direttamente dalla macchina fotografica. Le 4 pile stilo alimentano tutto, anche il ricevitore... insomma in una sola mossa vi siete tolti dai piedi ricevitori, batterie, problemi di collegamento tra gli stessi. Una sola parola: fantastico.
Anche il TX va con semplici stilo, quindi si è uniformata la gestione delle batterie al solo modello AA (prima AAA per i ricevitori, AA per i flash, LRxxx per il trasmettitore...)

Ma parliamo di prezzi. Sapete quanto è venuto a costare tutto ciò? una spesa inimmaginabile, quasi 100 euro! Capito, cento euro. Il paraluce del 75mm Olympus, ne costa 80. Qui con 100 euro abbiamo risolto una marea di grattacapi incredibili. Per mia comodità ho preso due flash e due ricevitori compatibili che all' occorrenza possono fare andare i due vecchi Nikon SB26. Totale, meno di 190€.

Il Tx gestisce comodamente gruppi e canali diversi di flash ed è possibile combinare le cose in maniera molto complessa e creativa. L'ultima versione dei flash, la IV (che costa qualche nocciolina in più) incorpora anche il TX nel flash, ma onestamente era una funzione che non trovavo utile e li ho scartati. Più che per il prezzo, per non avere complicazioni di opzioni. In pratica ogni flash può addirittura prendere il controllo di altri gruppi di flash, o essere montato sulla macchina al posto del 560TX. Giusto per conoscenza....

Il sistema non è TTL. Esiste la controparte TTL compatibile con i protocolli Canon, Nikon ma  per l'utilizzo che ne faccio io, completamente manuale questo è il top, anche perchè in quel caso si passa ad un sistema di comunicazione ottico e non più radio (che in genere ha molti più problemi di posizionamento).
Il sistema non ha sbagliato un colpo. MAI. (mai successo). Lampi perfetti, temi di ricarica molto buoni con normali batterie alcaline. La configurazione ha richiesto qualche minuto, più che altro perchè i manuali non è che siano proprio esplicativi, ma l'interfaccia è ottima. Il fatto di essere esteticamente identici ai flash Canon 580 li rende, inoltre, compatibili con tantissimi accessori. 

Dimenticavo... nonostante il TX sia venduto in versione Canon o Nikon è compatibile con tutti i sistemi (io lo uso su Olympus): la differenza è solo in una funzione di wake up della macchina, se non ho inteso male.

Il rapporto qualità prezzo di questi prodotti è stellare. Se siete interessati a questo tipo di illuminazione è follia non prenderli in considerazione. Li trovate su Amazon. Io, per la precisione li ho presi da qui negozio 3C4U - AMAZON.IT


Nessun commento:

Posta un commento

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.