// Sony A3000: first impression & hands on

Titolo all' inglese, contenuto all' italiana. Rientro oggi al lavoro dopo più di una settimana di "ferie" (provate a diventare papà e poi ditemi se le potete chiamare ferie i primi giorni di vita di un bimbo) e la prima cosa che noto è lei: la tanto chiacchierata A3000.
La prima della nuova serie di Alpha con innesto E (vedere il mio intervento precedente per chiarirsi le idee) che irrompe nel mercato con un prezzo "very low" e alcune scelte discutibili.

La nuova A3000. La prima Sony Alpha con innesto E 




La macchina condivide lo stesso aspetto estetico della HX 300 (bridge top di Sony) ma non ha il display snodato. Il cuore della macchina è un ottimo Cmos da 20 Mpx in formato APS, presumibilmente lo stesso che equipaggia la A58, e viene venduta in kit con il 18-55 OSS (lo stesso che equipaggia tutte le Nex dalla loro uscita) nella variante nera (lo stesso della Nex7).
I punti deboli che subito saltano all'occhio sono la scarsa qualità del display e del mirino elettronico (EVF) che fanno 4 o 5 passi indietro rispetto alle ultime cose viste in casa Sony.
Ma, c'è un ma, il prezzo è altamente competitivo. 399€ per il kit con in più anche borsa e scheda di memoria. Un bel prezzo per chi si vuole lanciare nel mondo della fotografia un pò più evoluta.

La A3000 viene venduta allo stesso prezzo di una buona bridge e offre, ovviamente, una qualità molto più alta. E' in questa ottica che si posiziona nel mercato. Il sensore, dal canto suo, è notevolissimo. Gestisce con estrema disinvoltura sensibilità anche alte (3200 -6400 utilizzabilissimi) mentre oltre si entra un pò in zona rischio, ma restano tuttavia gestibili. L'ottica stabilizzata aiuta parecchio in tal senso: credo che a mano libera non ci siano situazioni fuori portata, almeno per un uso comune.


La prontezza di scatto mi è sembrata accettabile (non è una Nex7 come reattività, sia chiaro) ed inoltre utilizza la slitta flash multi-i che è ormai lo standard Sony dallo scorso anno.
Il menù mi è sembrato lo stesso della serie Nex, con una ghiera il tasto centrale e le relative funzioni di volta in volta sul display.

Se dovessi esprimermi così al volo direi che l'unico punto che sembra fuori posto è: o il mirino troppo poco definito e piccolo o la mancanza del display snodato. La presenza di entrambe queste limitazioni è un pò eccessiva, sarebbe stato più tollerabile l'una o l'altra mancanza, così insieme non è sicuramente ben bilanciata. Tuttavia, sia il mirino che il display non sono inferiori a quelli che si trovano sulle attuali bridge, che ripeto, sembrano essere le principali concorrenti di questo prodotto.
Con pochissimo di più si può prendere (non so per quanto ancora) una A58, decisamente migliore (ma un pò più grossa) sotto tutti i punti di vista e con un parco ottiche molto più ampio.
Insomma, una macchina adatta a tanti neofiti dell'ultimo momento ma non certo a chi ha già visto cosa è in grado di offrire Sony con la attuale tecnologia. 
In tutti i casi il rapporto qualità-prezzo resta favorevole. La qualità di immagine è molto elevata e, in fondo, non tutti sono di palato fine come me (ergo non tutti sono abituati al mirino della A77) :D

Se dovessi riassumere il tutto numericamente, direi... (e mettiamolo in english che più "international) :D

EVF & LCD  5/10
Handling 7/10
Iso Performance 8/10
Image quality 8,5/10
Value for money 6,5/10

Total  6,5/10







1 commento:

  1. Bella sta cosa dei voti: la prossima volta lo faccio pure io :D

    RispondiElimina

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.