// Festeggiando! The day after...

Di rientro da un impegnativo week end conclusosi ieri sera con il dis-assemblaggio della mia postazione presso il castello di Varano, devo ammettere di non essere particolarmente arzillo e in forma stamattina. L'evento "festeggiando" di Varano dè Melegari si è concluso e non posso certo dire che sia stato un successone. Il periodo dell'anno, la giornata da mare o da piscina, la mancanza di visibilità hanno smorzato di parecchio il potenziale dell'evento che, tuttavia, sono contento di aver affrontato.
Innanzi tutto, soprattutto per chi non ha grandi esperienze di questo genere di cose ogni nuova possibilità è esperienza che ci si mette nel "bagagliaio".
L'aver conosciuto ancora nuovi operatori e aver consolidato rapporti con altri di loro è sicuramente un altro punto positivo della giornata.

Un dettaglio della mia postazione. Non solo matrimoni, ma anche book, calendari etc etc.

Passanti increduli dinanzi alla mia postazione!!!


Beppe e Sonia e il loro Wedding Quizzami



Sara Quadri, Mua, all'opera su Marina e una altra ragazza





Coloratissime e Bellissima idee in pasta di zucchero


Ho inoltre capito che se mai comprerò un gazebo, questo non sarà smontabile ma, bensì , ripieghevole. le comiche derivate dal montaggio del mio gazebo (in prestito da parte di una cara amica) resteranno negli annali del castello.
Già, il castello. Il castello di Varano, che ha fatto da cornice all'evento, è davvero un bel posto. Non ci ero mai stato prima, ed in effetti pare che sia tornato accessibile al pubblico solo da pochissimi mesi, grazie ad una cooperativa che ne ha avuto la gestione. 

Alla mia postazione avevo anche ottima compagnia. Oltremodo ottimista avevo chiesto pubblicamente se qualcuna voleva condividere questa giornata aiutandomi nell'impresa. Nell'idea iniziale sarebbe dovuta essere il "gancio" per accalappiare qualche cliente, distribuire qualche volantino in giro etc, ma alla fine è stata una ottima compagnia. Penso di averle detto mille volte grazie, ma glielo dico ancora una volta. Grazie Marina.
In qualche tempo morto abbiamo fatto anche qualche scatto estemporaneo, tra cui uno mi piace in maniera esagerata.

Lo smontaggio del gazebo è stato invece semplicissimo. Roba da guinnes dei primati. Ho quindi capito che semmai sarà il caso, potrò essere un ottimo "smontatore" di gazebi.
La giornata è andata così, ma tutto sommato ripeto, considerando il periodo dell'anno non è che avessi enormi pretese. Anzi.

Chicca della giornata: fermo una famigliola con due bimbe che si erano intrattenuti presso il "truccabimbi" per lasciare loro un volantino dei miei servizi e mi sento dire "ma tu sei Ugo... io sono Erik". 
Due secondi per collegare il cervello ed esaminare il mio database di persone note e non note che comunque vedo ed ecco il risultato: Erik, fotografo naturalista amico di altri due conoscenti.
Vi ricordate il post sul libro fotografico dell'appennino parmigiano di qualche mese fa? Ecco, lui è uno degli autori, ed era la persona che aveva fatto da tramite quando chiesi ulteriori informazioni. Ci sono quindi scappate due chiacchiere sulla fotografia e un pò di complimenti reciprochi. 

Insomma, poteva andare meglio, ma poteva andare molto peggio anche no? E' stata anche l'occasione per provare sul campo un pò la A58 alle sue prime foto (lo shutter è scattato ben oltre 30 volte adesso!!)  ed iniziare a farmi una idea della qualità della nuova bimba, Ma per questo dedicherò due righe in separata sede.

Nessun commento:

Posta un commento

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.