// Luce Led o Flash?

Essere o non essere? Led o Flash? Dubbi esistenziali che da sempre ci attanagliano.
La tecnologia LED in campo fotografico è ormai sempre più efficiente e disponibile a prezzi sempre più interessanti. Ma anche i flash non scherzano, per cui la battaglia su quale sia il sistema ideale per illuminare, è sempre accesa.

In realtà non è neanche necessario fare una scelta drastica, si possono benissimo utilizzare entrambe le soluzioni (a volte anche assieme, per la verità) valutando di volta in volta quale è l'approccio migliore.


Jennifer / 2018


Un ottimo illuminatore Led da studio come ad esempio il Godox SL60W che uso con estrema soddisfazioni da alcuni mesi, permette di fotografare con una ottima luce, modificabile a piacere mediante accessori (softbox, parabole, strip, snoot... ) con innesto bowens-compatibile, a avere il controllo perfetto di tutta la situazione. Ogni più piccola variazione di posizione del soggetto e, di conseguenza di ombre, rispetto alla sorgente luminosa o semplicemente di postura può essere letta e corretta rapidissimamente.
Il flusso di lavoro ne guadagna molto, azzerando i tempi morti e rendendo molto più comoda l'interazione con il soggetto.
Tutto splendido, quindi, perchè pensare ad alternative?


Jennifer / 2018




Backstage by Adrienn 


Bhe, innanzi tutto la luce di un buon led non è paragonabile a quella di un flash per potenza e questo costringe ad usare sensibilità maggiori (raramente sotto i 640 ISO).  E' una ottima soluzione per utilizzare lenti molto luminose anche in studio o sala pose, ma è impossibile ottenere immagini troppo dinamiche. 
La prima immagine postata, ad esempio, è un bellissimo ritratto realizzato con Jennifer (Jennifer Zizzari) con luce continua led in cui abbiamo curato molto la postura proprio grazie alla possibilità di avere un flusso continuo tra visione della luce sulla scena e lo scatto.






Se il nostro intento è quello di movimentare un pò le nostre immagini, con un maggior senso di dinamismo, un buon flash è l'ideale. La capacità del lampo di imporsi sul tempo di otturazione permette di realizzare dei fermo immagine dinamici con una luce perfetta.



Jennifer / 2018

Certo, tra uno scatto e l'altro subentrano dei tempi morti (ricarica del flash, revisione degli scatti) ma il risultato è decisamente interessante.
Sempre con Jennifer abbiamo provato a movimentare un pò il set. I suoi bellissimi capelli erano adattissimi a creare delle scene di movimento dinamiche. Il flash si è rivelato la scelta vincente per questo tipo di scatto. Ho utilizzato un normalissimo flash manuale con comando a distanza senza HSS o TTL. a 1/250sec e un potenza medio bassa 1/16 ho avuto la luce giusta per fermare la dinamica del movimento. Abbiamo ripetuto la sequenza diverse volte fino ad ottenere lo scatto che mi piaceva.





La scelta può anche essere dettata dal luogo di utilizzo: in esterna i Led sono quasi inutili, in pieno giorno mentre al chiuso e in ambienti controllati, le luci led sono molto interessanti.
Per finire uno scatto realizzato qualche giorno fa durante un lavoro fotografico per una accademia di cucina. Ad un certo punto si è reso necessario fare qualche foto allo chef.
In pochi secondi ho allestito il mio flash con staffa S Godox e softbox 60x60 ed ero pronto a scattare. In questo caso ho usato una doppia illuminazione, usando un faretto led per ravvivare leggermente lo sfondo. Realizzato in circa 2 minuti, sono molto soddisfatto del risultato e dell'efficiente versatilità del mio corredo.



Modella: Jennifer Zizzari
Make Up: Adrienn Urban    Pagina Facebook

Chef: Roberto Cipolla

Nessun commento:

Posta un commento

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.