// Parliamo di Mirrorless - il racconto della giornata

Nata da una mia idea, che si proponeva di portare un pò di informazione sul mondo mirrorless nella, tuttosommato "ignoranza" generale sull'argomento, la giornata dedicata al mondo delle fotocamere "serie-ma-non-reflex" si è trasformata in un vero e proprio Olympus Day, grazie al supporto di Polyphoto  che ha creduto in questa idea, in cui abbiamo avuto il piacere e l'onore di avere a disposizione la nuovissima EM1-mark II e in anteprima il nuovo zoom 12-100 f/4 Pro: un tempismo perfetto!!







Nonostante queste premesse, la giornata è rimasta fedele all'idea originale, ossia quella di fornire informazioni ai presenti, portando l'esperienza di chi tutti i giorni ne fa un uso lavorativo, riguardo qualità, affidabilità e vantaggi tecnologici di questi sistemi. 



Coinvolgendo gli amici e colleghi di Promirrorless.it (Damiano e Simone Durante, rispettivamente fotografo e videomaker-regista) abbiamo fornito un servizio di consulenza (e chiacchiera, ovviamente) a tutti gli intervenuti: tanti i curiosi venuti solo per vedere e provare gli ultimi gioielli della casa giapponese (oltre ai due citati prodotti erano testabili il nuovissimo 25mm f/1,2 Pro e il 300mm f/4 Pro) assieme a tutta la gamma di loro lenti e corpi macchina; ma anche molti coloro che sono venuti a trovarci completamente a digiuno di questo tipo di macchine e tecnologia, indice questo del fatto che c'è  ancora molta informazione da fare per distruggere il binomio, ormai storico e radicato, "macchina fotografica buona = reflex". 
Allo stesso tempo, appare evidente che i margini di crescita per questo mercato sono ancora molto ampi.



Non mi sono dilungato in test particolarmente approfonditi, non mi piacciono, non li trovo interessanti. Mi piacciono le sensazioni di uso, quelle che ti fanno capire se una cosa va bene per te e per quello che fai. 

La EM1 Mark 2 sta facendo tantissimo parlare di sè in queste settimane. Vuoi perchè arriva sul mercato con caratteristiche davvero strabilianti per un corpo così "compact", vuoi per il prezzo di lancio che ha messo in agitazione l'intero web (anche chi non è minimamente interessato al prodotto, tra l'altro), l'attesa di mettere le mani sopra questo gioiello tecnologico era ormai febbrile.

Em1 Mark2 - Prime impressioni
Anche se esteticamente si presenta molto simile alla EM1 (che dovremo tristemente definire "old" ormai), le differenze, una volta presa in mano, appaiono marcate. Più solida (ancora!) più pesante, più ergonomica (questo non era facile!!) grazie ad una impugnatura leggermente più generosa,la  nuova ammiraglia sta in mano che è una vera bellezza. Il battery grip non era disponibile ma, già così, la sensazione era ottima: chiaramente IL corpo pensato per le ottiche di livello PRO della casa.
A parte qualche piccolo cambiamento nel layout dei comandi (la leva 1-2 è invertita adesso, e potrebbe essere un bene... per non muoverla accidentalmente), ci si sente subito a casa.
La reattività è fantastica. Il tasto di scatto è sensibile e l'intervallo di tempo con lo scatto dell'otturatore nullo. Quest'ultimo, completamente nuovo, è morbido e silenziosissimo: impressionante. 




Il sistema di AF-c sembra funzionare davvero bene. Dico sembra perchè tra firmware non definitivo, una giornata piovosa e la totale assenza di soggetti interessanti, non è che io abbia  provato più di tanto. Tra l'altro è una funzione che non uso praticamente mai e di cui non mi interessa molto. 

I miei colleghi invece si sono dilungati in test più approfonditi, documentati anche con video delle prestazioni in tempo reale.. Non mancherà molto per avere disponibile anche questo materiale, su promirrorless.it.

L'impressione generale è quella di una macchina che sa fare la top di gamma della casa e che rimpiazza alla grande l'attuale Em1, una delle macchine meglio riuscite dell'era digitale (per il sottoscritto). Che il prezzo sia adeguato o meno, lo deciderà il mercato. Per quel che mi riguarda ho la certezza che il sistema è in ottima forma per il prossimo futuro, e tanto mi basta.

Il 12-100 Pro Sul fronte lenti, parliamo un pò del 12-100 Pro F/4 una lente che a mio avviso diventerà un pilastro del sistema. Con la sua escursione equivalente a un 24-200mm, un autofocus molto veloce, una ottima capacità macro (come tutte le lenti Pro Zuiko), il supporto alla doppia stabilizzazione e la tropicalizzazione completa,  il nuovo zoom tuttofare di fascia professionale presentato da Olympus è il compagno di viaggio perfetto per qualsiasi fotografo viaggiatore esigente. In accoppiata con un fisso luminoso di qualità è in grado di svolgere praticamente il 100% delle necessità di un reportage di viaggio con qualità professionale. 
La costruzione è impeccabile, degna della serie Pro, e del prezzo, elevato, cui viene proposto. Ma si sa, la qualità di paga e qui, di qualità, ne ho vista parecchia.
La combinazione, poi, con il nuovo 5 assi della Em1-mk2 è portentosa: sfruttando lo stabilizzatore interno dell'ottica che si somma a quello della macchina, si arriva ad un recupero dichiarato di 6,5 stop!!! Ora non so se questo corrisponde a verità, ma vi posso assicurare che abbiamo ottenuti scatti nitidi a 5 secondi di esposizioni, mano libera!! 
Contrariamente alla Em1 che arriverà nei negozi a breve, il 12-100 Pro è già in distribuzione.







25mm f/1,2 Pro
Del 25mm ve ne avevo parlato qualche giorno fa, e la sensazione è confermata. Lente strepitosa dal punto di vista qualitativo, un pò troppo grande e pesante per chi utilizza il sistema a 360° e vuole avere sempre tutto dietro. La qualità costruttiva è pazzesca: non c'è un dettaglio fuori posto, non c'è il minimo "gioco" o movimento a vuoto di nessun componente. Sembra di tenere in mano una lente costruita 40 anni fa, tutta in metallo. Splendido al tatto e incredibile nella resa. Assieme al 12-100 il kit perfetto del viaggiatore professionista. (Allego uno scatto realizzato al volo in una precedente occasione).




Molti dei partecipanti (e degli assenti, anche) nelle ore serali della giornata e nei giorni successivi mi hanno contatto per ringraziarmi del pomeriggio e hanno continuato a chiedere informazioni. Alcuni di loro sono convinti a fare il grande passo, ossia lasciare il sistema tradizionale ed entrare nel mondo della fotografia digitale con sistemi mirrorless: in tanti ho avvertito questa necessità di tornare a fotografare, di avere sempre il mezzo con sè piuttosto che solo un costoso ed affascinante macchinario da usare saltuariamente. 
Caratteristiche come touch AF, pesi e ingombri ridotti al minimo, velocità operativa e qualità di immagine hanno fatto gola ai più.



Giusto per rimarcare la differenza praticamente nulla di qualità finale tra una macchina fotografica con mirino tradizionale e il sistema micro43 (ma anche gli altri, ovviamente) abbiamo portato una serie di stampe in esposizione realizzate con diversi formati e sistemi. La qualità finale è praticamente identica a riprova che in un uso pratico non si avvertono differenze qualitative.

Rimanete sintonizzati, ci saranno novità.

A breve, su PROMIRRORLESS.IT troverete il materiale video che abbiamo girato e le interviste ai protagonisti della giornata. (non vi dico l'imbarazzo ahah). Un modo come un altro per essere di aiuto anche a chi non è potuto essere fisicamente con noi giovedì




Alla fine di tutto questo, ringrazio Stefano di Photoshop Parma (che ci ha ospitato per tutta la giornata), e Polyphoto Spa per il supporto tecnico e la disponibilità fornitoci.

Photoshop Parma è l'unico negozio della provincia di Parma che tratti in maniera completa e professionale il mondo mirrorless, con particolare attenzione al sistema Micro43 (Olympus e Panasonic) senza disdegnare tutti gli altri marchi. A disposizione in negozio troverete tutta la gamma di ottiche. 
Esegue permuta e valutazione diretta del vostro usato.



Nessun commento:

Posta un commento

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.