// Le verità sulla fotografia che solo i forum...

Senza fare nomi nè utenti... condivido questa spettacolare discussione, da me iniziata in maniera un pò provocatoria ma costruttiva. Dove si sarebbe arrivati non me lo sarei mai sognato!



Si parte da questa immagine che ripropongo, presa in prestito da un altra discussione in cui era stata utilizzata per dimostrare (non si sa bene quali) ENORMI  differenze tra i formati di sensori. Ho preso la palla al balzo e ho posto la seguente domanda (il link porta all'immagine di sopra):





La prima reazione già inizia a lasciarmi spiazzatto. Cosa altro dovrebbe interessare se non il messaggio contenuto in una fotografia? E' un mezzo di espressione... se non c'è niente da comunicare con uno scatto che lo si fa a fare? Parrebbe che invece (seguono altri commenti sulla stessa filosofia nel corso della trasmissione) per alcuni la foto sia foto e basta (che significa poi? bho).


Provo a riportare la discussione sui binari originali, ma niente. inizia la lotta dei formati e dei tecnicismi. focali, diaframmi, crop... chi più ne ha più ne metta. Nessuno che però parli del problema posto. Le due foto non dicono esattamente la stessa cosa?


Qualcuno la pensa come me, per fortuna, ma pochi, pochissimi...


E qui arriva la BOMBA!! la notizia tecnica che non ti aspetti... quello che ti sconvolge l'esistenza fotografica, perchè, tu, tra l'altro ti sei anche dotato di esposimetro per misurare la luce e non hai mai dovuto regolare la dimensione del sensore sullo stesso. Effettivamente, però, ora che ci penso, quando uso un formato più piccolo i vetri di casa tendono ad oscurarsi di più facendo passare meno luce...


Scherzosamente, faccio lo stupito e chiedo maggiori delucidazioni (trad: ma che stai a dire???). Invece di mangiare la foglia, parte a bomba con la sua tesi e tenta anche di dimostrarla. 


Alla fine lo sconvolto è lui: ne era davvero convinto!!


La cosa inizia a degenerare. Ma l'argomento iniziale? Dove è finito?


E qui, arrivano i professoroni. Considerato come sto investendo i miei soldini, ossia quasi tutti indirettamente verso la fotografia, direi che in qualche modo ci ha anche preso, ma non nel senso che voleva lui.  Il problema è che io le differenze non le vedo davvero! tra le due foto esempio, a parità di lenti, come è scritto, corrono almeno 1000€ di differenza!! per cosa? per avere cosa in termini di SIGNIFICATO? e infatti, il prof 2, cercando di togliermi dalla ragione, in realtà me ne regala a quintalate perchè, leggete un pò...


E' normale, no? La prima cosa che fai quando vedi una foto NON è capirne il messaggio, soffermarsi sul soggetto, sulla scena, su come il tutto interagisca e su come la riusciamo a fare nostra confrontandola con il nostro vissuto... no!!! La prima cosa che fai è IDENTIFICARE IL FORMATO! MA... rullo di tamburi...se le foto vengono mostrate singolarmente e non affiancate questo non si può stabilire? Sarà mica che avevo ragione allora a dire che le due foto sono "uguali" allora?


Senza offendere nessuno, sia chiaro. Tono un pò sarcastico, ma davvero... Ci sono migliaia di persone che praticano la fotografia come se fosse una gara a chi ne sa di più, a chi è più tecnico, a chi ...... (inserire voci a caso) dimenticandosi o, peggio ancora, senza aver mai davvero compreso cosa essa sia. La discussione è stata tagliuzzata per portare alla luce solo alcuni interventi chiave... vi risparmio il resto vi dico solo che si era arrivati a parlare anche di MEDIOFORMATO e CIRCOLO DI CONFUSIONE.


1 commento:

  1. Ho notato che se carico la lavatrice al massimo e metto la centrifuga a 400 balla di meno rispetto a quando faccio mezzo carico, in teoria se dimezzassi la dose di detersivo dovrebbe lavare meglio... invece lava meglio a pieno carico.

    RispondiElimina

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.