// Una scelta felice...

E' un pò che volevo scrivere due righe di panegirico su quanto sia felice e contento di stare utilizzando materiale Sony-Minolta. So che può suonare come assolutamente "fanboy" o di parte, ma ho oggettivi motivi per condividere con il resto del mondo queste impressioni.






Uno dei problemi che si pongono immediatamente al momento del cambio di attrezzatura o di migrazioni varie da un corredo ad un altro è quello del non rimanere  sguarniti di qualche focale a lungo rispetto al corredo precedente, soprattutto se non si intende aggiungere più di tanto al capitale già investito.
Quando ho affiancato la A900 alla A77 la mia paura più grande è stata proprio quella di aver fatto il passo più lungo della gamba, tipo essermi comprato una Ferrari e non aver i soldi per pagare la benzina che avrebbe consumato etc. In realtà l'investimento finale è stato molto meno poderoso del previsto, a parte il "biancone" che comunque era in programma per qualsiasi sistema stessi usando a questo punto della faccenda.


Sony, che molti disprezzano (come il simpaticissimo cliente di ieri che mi ha chiesto se preferissi Canon o Nikon e ha espresso il suo inutile parere di superiorità quando ho detto la mia...), ha invece fatto una cosa molto furba: Ha mantenuto la compatibilità totale con le vecchie ottiche Minolta, al 100%. E bella cosa... sai che novità! La novità c'è eccome, perchè per quanto Nikon se la suoni e se la canti di aver mantenuto lo stesso attacco a baionetta (F) per oltre 50 anni, per chiare ragioni di marketing non ha mantenuto la compatibilità al 100%. Provate a montare una ottica AF di 20 anni fa su una D3000/5000 e dite pur addio all'Af. 
Cosa voglio dire? Che il valore di un sistema è proprio anche in questo. Il poter comprare una macchina come la A58 e sapere che è compatibile al 100% con qualsiasi lente su abbia già nello zaino. Lenti che costano 1/3 nel mercato dell'usato rispetto alla concorrenza.

Minolta Af 50 mm f/1,7


Prendiamo ad esempio il Minolta Af50mm 1,7. Lente più che ottima che si trova in condizioni eccellenti a 70-80€. L'Af è gestito direttamente dalla macchina e tutto funziona meravigliosamente bene. Per gli amanti del silenzioso e dell'ultrasonico ci sono ovviamente i modelli SSM di nuova fattura. ma vi assicuro che poter contare su un parco ottiche di qualità a prezzo veramente moderato e la certezza che tutto vada su tutto è una gran cosa.
Qualche giorno fa mi sono procurato un grandangolo, finalmente (ero rimasto scoperto su questa focale dopo la cessione del 9-18 Zuiko e macchine varie) un bellissimo Tokina (il mio primo Tokina!!!) 19-35 f3,5-4,5 in formato full frame. Condizioni pari al nuovo per la modica cifra di .... 80€! provate a cercare un grandangolo per Canon o Nikon spendendo meno di 350€ nell'usato!!

Ovviamente tanto più è conveniente comprare, tanto più e sconveniente vendere. Se c'è qualcuno che fa un affare in un verso, qualcun altro non lo fa nell'altro, ma noi siamo fotografi, non commercianti, giusto? Non ci interessa fare compravendita, ma avere strumenti utili al nostro fine, ossia catturare immagini nel modo migliore possibile.


Minolta 24-105 3,5/4,5 D.

Unico ritocco ancora da farsi è uno zoom standard di buona qualità per la A900. Non è una priorità visto che il 16-50 2,8 della A77 assolve benissimo il ruolo e la A900 vive in simbiosi con il 50ino e l'80-200 2,8, ma il Minolta 24-105 3,5-4,5 D che mi sono procurato per lo scopo oggettivamente non è la miglior lente del mondo per il sensore spettacolare della ammiraglia di casa.  E' una lente di discreta qualità che passa dall'eccellente al mediocre a seconda delle situazioni. Purtroppo ha qualche problema di Back-focus (risolto, ma sono rimasto con l'ansia da prestazione) e questo me la fa considerare solo una lente di backup in casi di estremo bisogno.
Come si vede nella (infima) foto allegata, i colori hanno una ottima resa. Certo, non è luminosissimo, e la vignettatura è molto accentuata fino a f/7,1. Sicuramente non peggiore di più illustri colleghi dal costo quasi triplo nell'usato.

Ho adocchiato, in tutti i casi,  un interessante Tokina 28-70 2,6-2,8 AF a prezzi molto molto interessanti che pare competere ad armi pari con i ben più blasonati pezzi da novanta. Nel caso invece diventassi improvvisamente ricco i due sogni nel cassetto si chiamano 24-70 Zeiss e 135 1,8 Zeiss. 


3 commenti:

  1. Chi disprezza Sony non ha capito nulla.
    Personalmente, tornassi indietro, un pensiero ce lo farei sul serio.

    RispondiElimina
  2. Certo. Un pò fanboy bisogna esserlo. :P

    RispondiElimina

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.