// Un anno importante

Se ci sarà un anno che vorrò ricordare in futuro come pietra miliare della mia vita e quella della mia famiglia da poco formata, quello sarà sicuramente questo 2012 che volge a conclusione.






E' vero, è stato un anno terribile da molti punti di vista: la crisi economica, il terremoto in Emilia, la situazione generale del paese e dell'economia mondiale, ma è stato anche un anno di rinascita, almeno per me. Il 2012 è stato l'anno in cui ho spezzato alcune catene e ho iniziato un viaggio nuovo, una esperienza diversa.
E' stato l'anno della presa di coscienza, della consapevolezza che qualcosa doveva cambiare, che non si poteva rimanere schiavi di un padrone a tempo pieno ancora per molto. Natale 2011 è stato un periodo pesantissimo psicologicamente per me e, a suo tempo, giurai che non avrei mai più passato un periodo così infernale e stressante. Ed eccomi qua, forte di quella decisione presa, speranzoso verso il futuro, timoroso di aver fatto, forse, un passo sbagliato, ma sicuro di aver almeno provato a dare la svolta alla mia vita e quella di mia moglie.
Perchè qualsiasi cosa accadrà il tempo, la qualità della mia vita, del nostro tempo è sicuramente migliorata e questo, oltre il guadagno economico, è già una risultato eccezionale.

La mia avventura di fotografo professionista è iniziata meno di un anno fa e tra problemi, successi, esaltazioni, riflessioni, procede verso nuovi traguardi. Il 2012 è stato l'anno della nascita e dei primi passi, i primi contatti importanti, i primi partner, le prime batoste, le prime esperienze. Guardo al 2013 come si guarda ad una strada che si inerpica dinanzi a noi un pò in salita un pò tortuosa, ma sicuro di avere le qualità e la forza per poter continuare il viaggio, di poter incontrare altre persone e altri collaboratori utili al mio miglioramento umano e professionale e poter raggiungere altri traguardi.

Se dovessimo classificare gli anni solo in base al nostro arricchimento vivremmo penso tutti in uno stato depressivo cronico.
Il senso di libertà, l'entusiasmo che alimenta le mie giornate, la qualità del mio tempo libero sono ricchezze che ripagano di sforzi ed esborsi più di qualsiasi altra entrata. Perchè alla fine il fine ultimo di lavorare è quello di condurre una vita serena e soddisfacente cosa questa, che sicuramente, ho iniziato a raggiungere.

Questo 2012 merita quindi il mio ricordo assieme a tante persone che hanno contribuito e reso possibile questo cambiamento: da mia moglie alla azienda per cui lavoro (ancora), da mia mamma ai miei suoceri ( che hanno appoggiato l'iniziativa con entusiasmo), per non dimenticare tutti i clienti, i ragazzi che hanno partecipato ai corsi, le coppie di sposi e tutti quelli che giorno dopo giorno, credendo nelle mie capacità aiutano a costruire più solido il mio futuro.

A tutti voi, e non solo, auguro uno splendido 2013. Il mio so già che lo sarà :)

Ugo B.                             

Nessun commento:

Posta un commento

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.