// Sony Alpha 77- il verdetto

E' da un paio di mesi che sono in possesso di una SLT a77, macchina che mi ha catapultato nel mondo fotografico Sony aprendomi nuove visuali e demolendo alcune convinzioni prive di fondamento che si erano insediate in me.
Negli scorsi post mi sono limitato ad elogiarne parzialmente alcuni aspetti ma, non avendo mai avuto tempo e modo di effettuare una prova sul campo più soddisfacente, non mi sono mai sbilanciato su un giudizio complessivo. Cosa che adesso mi sento pronto a fare.





La a77 era (è appena uscita la a99 in formato full frame) la ammiraglia della famiglia SLT, ossia le reflex-non-reflex inventate da Sony con specchio semi opaco ed autofocus continuo sia sui video che sulle foto. 
La macchina ha le tipiche dimensioni di una semi-pro e risulta al tatto robusta e ben costruita. L'unico punto che appare delicato è lo snodo del display articolato (molto articolato!!) che però è più robusto di quel che sembra. lo scheletro della macchina è in lega di magnesio ed è anche tropicalizzata. Doppi comandi e display di servizio completano un layout che i più esigenti apprezzeranno (per gli altri c'è la a65 meno pretenziosa dal punto di vista tattile ed ergonomico).

Il cuore della macchina è un Cmos da 24 mpx in formato APS (lo stesso che equipaggia la nikon d3200 e la nuova D5200, senza dimenticare la NEX7 7, la  a65). L'utilità di tale numero di pixel è molto relativa. Usando la macchina mi sono reso conto di quanto sia svantaggioso in molti casi avere a che fare con una tale quantità di dati (e difatti la mia convinzione che su macchine economiche sia una buffonata usare questo tipo di tecnologia aumenta di giorno in giorno, cara Nikon).
In quasi tutte le situazioni le mie Olympus da 10 mpx restiuiscono immagini identiche se non migliori con la stessa percezione di nitidezza. Quindi 24 mpx NON vi serviranno per avere foto più nitide!!!
Anche dal punto di vista degli iso, l'utilizzo di un sensore così risolvente genera più rumore digitale rispetto ad un sensore di pari dimensione da 16 mpx (come quello della sorella a57).
E allora? Bhe. Tutti gli altri casi in cui poter lavorare su un dettaglio diventa importante senza preoccupazioni di crop o altro (e non è poca cosa).
Diciamo che il limite maggiore a sfruttate completamente un sensore così è la qualità delle lenti che andremo ad utilizzare. 
il 16-50 f/2,8 che ho avuto il buon senso di prendere assieme alla macchina è una ottica eccellente e sfrutta molto bene l'elevatissima risoluzione del sensore restituendo immagini nitide e precise. Per ottenere un buon risultato con un tele obiettivo, ad esempio, mi sono dovuto rivolgere all' ottimo Tamron 70-300 Di USD che già avevo avuto modo di apprezzare su macchine della concorrenza: prezzo contenuto e ottime performance in virtù anche di una moderna progettazione per sensori di nuova generazione. Ho avuto modo invece di constatare come ottiche precedenti, Minolta, pure apprezzate sulle prime reflex Sony (12-14 mpx) impastassero l'immagine al punto da rendere molto migliore la resa dello zoom 16-50 rispetto ad una ottica fissa (il 50mm 1,7 Af per la precisione).
In definitiva posso asserire che per sfruttare questo tipo di macchina, e soprattutto di sensore, è necessario dotarsi di ottiche moderne e di qualità medio-alta, almeno, pena rimanere molto delusi (la scelta di commercializzare la macchina con il 18-55 nel kit base ad esempio mi lascia molto perplesso, pur essendo questo molto migliore rispetto ad altri kit similari).
Con la giusta lente la a77 restituisce immagini eccezionali, con colori molto ben bilanciati e un ottimo contrasto, tirando fuori il massimo da un sensore che è un pò come una Ferrari: bisogna saperla guidare e portarla sul percorso giusto per farla rendere al meglio.  

Stabilito quindi che prendere una macchina così dotata a livello di risoluzione è utile solo se si preventiva anche un parco ottiche di livello medio-alto e moderno, passiamo ad una analisi delle caratteristiche principali.




Sul mirino elettronico EVF mi ero già dilungato in maniera molto entusiastica qualche tempo fa. Ribadisco il concetto: è il futuro della fotografia e gli altri costruttori prima o poi faranno il grande passo. La definizione, la possibilità di avere il 100% del campo inquadrato, le informazioni extra e la preview dell'immagine in tempo reale sono features cui nessuno dovrebbe rinunciare. Vi assicuro che la sensazione di star tradendo la fotografia classica è solo momentanea perchè con tutti gli strumenti a disposizione avremo più tempo per concentrarci sull'immagine e non sulle regolazioni. Sarà sciocco ma a ma ha dato molto la stessa sensazione di scattare con un mirino a pozzetto... Ottimo e dalla qualità incredibile, il miglior mirino elettronico in commercio.

Una funzione tanto sbandierata che, per il mio modo di fotografare, non ha molto senso è l' Af continuo. Sicuramente molto utile sui video, nell'utilizzo fotografico fa solo consumare parecchia batteria extra. Preferibile quindi, per me, disattivarlo nell'utilizzo ad oculare (quello classico fotografico) e farlo diventare un classico Af da reflex che si aziona con il tasto di scatto a mezza corsa. Con ottiche dotate di motori AF adeguati (SSM o USD per esempio) le prestazioni sono ottime e l sensore con 19 punti di cui 11 a croce svolge egregiamente il suo lavoro. Unitamente allo scatto continuo a 12fps (con AF continuo) la a77 diventa molto valida anche nella fotografia sportiva.

Il layout dei comandi è molto ben organizzato, in linea bene o male con quello delle macchine della stessa categoria. Il menu di navigazione non è proprio comodissimo ma è abbastanza chiato, e dopo un pò ci si muove comodamente al suo interno.
Una nota negativa alla mancanza di un tasto per attivare e disattivare lo Steady Shot senza dover entrare nel menù tutte le volte. Sony lo aveva sempre avuto e, avendo una ottica manuale con cui va disattivato, la presenza di un tasto dedicato avrebbe fatto molto comodo. Ho cercato invano di personalizzare uno dei tasti funzione ma non riesco a farlo. Spero sia solo una mia mancanza e non una impossibilità software. Sarebbe una brutta caduta di stile. (edit: non si può fare!)

Lo stabilizzatore nel corpo macchina è la ciliegina sulla torta, da sempre cavallo di battaglia di Sony e prima ancora Minolta, nonché motivo preferenziale nella scelta di questo prodotto rispetto ad altri concorrenti. La comodità di poter guadagnare un paio di stop in situazioni di luce scarsa a mano libera è sempre bene accetta. Abituato con Olympus a godere di questo vantaggio non avevo intenzione di privarmene per nessun motivo.

Un comodo selettore per la scelta della messa a fuoco (singola, continua, automatica, manuale) posto nei pressi del bocchettone, rende molto semplici le operazioni di settaggio della macchina assieme al tasto ISO è comodamente posto sulla calotte vicino al tasto di scatto. Sulla modalità fuoco manuale mi sono già espresso in un post dedicato ma confermo la bontà del sistema "focus Peacking" che rende le operazioni di focheggiatura manuale veramente semplici e precise.

Se vogliamo trovare un punto negativo a questa signora possiamo parlare un pò dei consumi energetici sopra la media. Alimentare un display da 3 pollici ad alta definizione o peggio ancora il mirino OLED da oltre 2 milioni di pixel (oltre il full Hd per intenderci ) non è uno scherzo e se a questo aggiungiamo l'Af continuo e lo stabilizzatore è chiaro che i consumi salgono. Le SLT in genere consumano molto più di una reflex tradizionale, ma la batteria svolge degnamente il suo lavoro. Sicuramente, anche per un uso base è necessario munirsi di un secondo accumulatore di scorta. Inoltre il sistema infoLithium di Sony da informazioni precise sulla carica visualizzando l'esatta percentuale residua di energia, opzione gradita che anche altri produttori dovrebbero implementare.

GIUDIZIO.
in definitiva la a77 è una bomba! Presa confidenza con il mirino elettronico che potrebbe avere un impatto strano su qualcuno, la macchina mostra un potenziale esagerato. La quantità di opzioni e le numerose modalità operative (ho tralasciato volutamente la modalità video di cui non mi sono ancora interessato) la rendono una macchina adatta ad ogni uso e la velocità operativa è ottima. la tenologia SLT offre vantaggi e svantaggi ma tutto sommato è una strada molto auspicabile per il futuro della fotografia moderna. La presenza dello specchio semi-toglie circa 1/3 di stop di luce dal sensore, spero che questo non vi mandi di traverso il pranzo, perchè i vantaggi che ne derivano sono sicuramente più interessanti. Ottima macchina, super dotata, necessita solo di un pò di tempo per una configurazione personalizzata ad hoc e una presa di coscienza da parte dell'utilizzatore che si troverà tra le mani un prodotto diverso dalla "solita" reflex ma molto più versatile.


PRO:
Risoluzione mostruosa
Stabilizzatore ottico integrato
Ergonomia e costruzione
Af veloce
EVF eccezionale
Buone prestazioni in ogni situazione

CONTRO:
Risoluzione mostruosa
consumo batteria superiore alla norma
Alti Iso meno brillanti di altri prodotti concorrenti




5 commenti:

  1. Devo ammettere che la Sony mi ha sempre affascinato.
    La mia appartenenza a Canon è stata dettata più dal lasciarmi trascinare dalla corrente: mi hanno regalato una Canon, ho preso un paio di obiettivi e da lì ho preso il via. Non c'è stato molto di ragionato, almeno all'inizio, e ora è un po' tardi per tornare indietro, ma non nascondo la mia attrazione per la Minolta school.

    Pensa che deliravo di prendere la FF Sony come nuovo corpo macchina (e affiancarlo alla 5DII), ma poi mi partirebbe una cifra per tutto il parco ottiche... Insomma, sto matrimonio non s'ha da fare, però guardo a questo brand con molta molta stima e curiosità.

    RispondiElimina
  2. è un atteggiamento giusto Paolo. con il popò di roba che hai nel tuo corredo è da pazzi partire con un corredo ex novo. la mia situazione era diversa, cercavo un partner moderno da affiancare ad Olympus e sony è il brand più simile sotto molti punti di vista (tra l'altro ultimamente i due marchi giapponesi sono MOLTO vicini anche a livello di progettazione).
    il mercato Minolta prima dell'acquisizione era molto più sviluppato di quello che pensassi e Sony ha raccolto una bella eredità in termini di ottiche e brevetti.
    Sony Italia non tratta con sufficiente attenzione il brand fotografico, ma non importa, il materiale si trova tranquillamente in negozio specifici (d'altronde anche Olympus non è messa troppo meglio, ho solo la fortuna di avere un rivenditore serio in zona).
    tra qualche giorno, passato sto periodo di feste, testerò la nuova ragazza sul campo con uno shooting ma so già che non rimpiangerò nulla.
    Se ti capita dagli un occhio, soprattutto al mirino. ne rimarrai molto sorpreso ;)

    RispondiElimina
  3. Utilizzando da molto tempo apparecchi Minolta prima e Sony adesso, ho letto con curiosità il tuo parere con una macchina "controversa" quale è la Alpha 77.
    Concordo in pieno con le tue conclusioni, la 77 è macchina dalle grandi potenzialità e molto (troppo) sottovalutata dalla stampa (come tutto il settore fotografico Sony), ma avendola usata ed usando, come ho detto da tempo Sony so che ha ben poco da invidiare a marchi più conosciuti.
    Ho usato con soddisfazione la 77 per un anno, e me ne sono separato solo per acquistare la nuova Alpha 99 (è stata troppa la voglia di avere un corpo pieno formato per poter utilizzare le ottiche con il loro formato nativo......

    RispondiElimina
  4. Ciao Carmelo, e grazie deila visita. provenendo dal mondo Olympus a cui resto ancora molto ancorato (è il mio sistema principale) ho imparato ad apprezzare la qualità a prescindere dalle dimensioni del sensore che, indubbiamente porta vantaggi, ma non nella misura che uno si aspetta. la a99 è una vera bomba, chissà che un giorno non riesca ad averne uno. Molto dipenderà da cosa deciderà di fare Olympus. Se mi permetteranno di continuare ad usare il loro splendido parco ottiche al 100% sulle nuove macchine professionali, Sony resterà una ottima seconda scelta, nel caso il sistema 4/3 dovesse morire, Sony diventerà la mia scelta primaria.
    Buon 2013, e spero di leggerti ancora.

    RispondiElimina
  5. Thanks for review, it was excellent and very informative.
    thank you :)

    RispondiElimina

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.