// Ritorno a Casa

Tornare a casa è come un pò tornare indietro nel tempo, soprattutto per chi come me non lo fa tanto spesso. 
Il mio rapporto con "casa" è sempre stato complesso. A volte la amo, a volte la odio. Ci sono periodi in cui sento che l'unico legame con quei posti sono gli affetti familiari, altri invece in cui è come se sentissi la necessità di tornare a rivedere la mia terra, sentirne il respiro. Stavolta era proprio quest' ultimo il caso.
Dopo tanti anni sono riuscito anche a portare mia moglie (che per una serie di catastrofi e problemi di salute non era mai riuscita a fare un tour decente di questi posti) e nonostante la brevità del ponte che ci siamo concessi (per una volta abbiamo fatto il ponte!!!) la quantità di luoghi e situazioni vissuti sono stati più che soddisfacenti.
Abbiamo fatto il pieno di cordialità, ospitalità, cose buone da mangiare e un cielo di un azzurro tale che fa venir il buon umore al solo guardarlo.

Un cielo che ti invita alla vita. (Alberobello, BA)

Abbiamo viaggiato tutta la notte tra mercoledì e giovedì per arrivare in mattinata, rimetterci in forze con una bella dormita, affrontare un pranzo pantagruelico e iniziare l'avventura.
Matera, Alberobello, Santeramo in Colle, Altamura.

La campagna tra Altamura e Corato (BA)


Non c'è alcuna velleità di reportage nelle foto che seguiranno, nessun racconto particolare, nessun filo logico. Ho fatto foto anche alla vecchia casa dove ho vissuto da bambino, alla casa dei miei genitori dove sono cresciuto, alla casa dei nonni, alla campagna... ho fotografato per avere dei ricordi più nitidi, più concreti.

I frutti dell'autunno


Ho fotografato il tufo (la pietra di matera), l'atteggiamento delle persone in strada, i panni stesi, le auto antiche che ancora circolano numerose... ho fotografato tanti piccoli frammenti, tante piccole sensazioni che viste assieme mi danno quella sensazione di essere un pò più vicino a casa quando arriverà la prossima ondata di astinenza.


L'unica compagna di viaggio è stata la a77 con il 16-50 che, nonostante ormai sia in mio possesso da circa tre settimane, non era ancora stata "svezzata" per bene a parte le foto alla fiera. 
Ad essere sincero avevo con me anche una Fuji X10 che dovevo consegnare ad una amica ma che per problemi logistici non è potuta venire: non me la sono sentita di rovinarle il gusto di usarla per prima e quindi ho usato solo la mia Sony.
Velocemente dico che l'impressione sulla qualità del file è confermata in pieno, così come anche la qualità dello zoom 16-50 2,8 Sony, notevole. La versatilità del sistema mirino elettronico/tilt monitor è stata impressionante, e la quantità di pixel utile a effettuare pesanti ritocchi di "ritaglio" in qualche situazione. La durata della batteria in condizioni di uso prolungato non è eccezionale, sebbene accetabile (tuttavia non posso esprimermi al 100% essendo la mia a77 acquistata semi-nuova e non sapendo dunque se la batteria sia al meglio delle condizioni o per caso malamente utilizzata precedentemente): sicuramente mi doterò di un paio di batterie aggiuntive molto presto.

Nessun commento:

Posta un commento

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.