// Scegliere il corredo e l'attrezzatura - pt 5

USATO. Prendere o Lasciare? - Parte I 

[immagine dal web]

Comprare o non comprare. Questo è il dilemma che molti si trovano ad affrontare al momento di comprare qualche nuovo gadget, accessorio o corpo macchina per ampliare o migliorare il proprio corredo.

Il mercato dell'usato si può tranquillamente dividere in due grossi tronconi: quello privato e quello, invece, gestito tramite rivenditori. Inutile, credo, sottolineare come il secondo, sebbene probabilmente meno conveniente in termini assoluti di prezzo, sia quello da preferire.

Personalmente mi rivolgo molto spesso a questo tipo di mercato. Con un risparmio che può andare da un buon 25/30% a molto di più, ci si riesce spesso a portare a casa "pezzi" praticamente nuovi. Come in tutti i campi "hobbistici" ci sono persone che comprano, vendono, cambiano, scambiano in continuazione i loro "pezzi" senza farne un reale utilizzo, con il risultato che spesso si comprano dei km0 praticamente nuovi a prezzi da usato.
Attenzione però: Ci sono dei piccoli accorgimenti per evitare fregature o acquisti incauti.


L'USATO DIGITALE


I prodotti più a rischio in questo tipo di mercato sono i corpi macchina, soprattutto quelli digitali. L'usura di un prodotto di questo tipo è relativa al tipo di utilizzo (amatoriale, professionale etc) cui viene sottoposto dal proprietario, ma spesso le condizioni estetiche possono tradire l'anzianità di funzionamento.
Una Reflex digitale ha un ciclo di vita dell'otturatore definito dal produttore in base alla classe della macchina: una reflex amatoriale in genere ha un ciclo di 50.000 scatti, una professionale di oltre 150.000. Riuscire ad avere questo tipo di informazione al momento dell'acquisto è un dato interessante per valutare il valore della macchina. Ma attenzione! Per molti questo è l'unico parametro, ma in realtà a mio avviso non è così: dipende dal prezzo cui il prodotto viene proposto. Se il prezzo è particolarmente vantaggioso si può correre il rischio; la sostituzione dell'otturatore sebbene costosa di fatto rende la macchina "nuova". Se il risparmio iniziale è considerevole, si può osare, anche perchè la durata dell'otturatore è un indice, non una certezza: si può rompere prima (e in quel caso il produttore ripara senza costi aggiuntivi spesso anche fuori garanzia) o molto dopo (o mai).
Solo un centro assistenza autorizzato può dare la lettura reale degli scatti effettuati. Alcuni venditori particolarmente attenti certificano in questo modo ogni macchina che vendono facendo prima fare un check up in assistenza della stessa. Molto spesso ci sono metodi alternativi per avere una indicazione di questo indice, ma a volta possono essere ingannevoli.

Io classifico in questo modo un potenziale acquisto  di un usato. Supponiamo che voglia comprare una reflex di gamma alta che nuova costi 1500€

Un usato in perfette condizioni dovrebbe essere attorno ai 1000€ (con garanzia)
fino a 20.000 scatti la macchina è quasi in rodaggio ancora, quindi nessun problema
oltre 50.000 scatti il prezzo deve scendere, diciamo sui 900/850
80/100.000 scatti, 700€ (se l'otturatore dovesse cedere, 200/250€ di riparazione e torniamo al punto 1 con zero scatti)
Devo ammettere che ho fatto affari ben migliori di questa classificazione, ma un pò di fortuna a volte serve.

Il buon senso ovviamente suggerisce anche di fare un veloce check di tasti, display vari, dei comandi sul corpo, e provare a scattare variando di otturazione. Un corpo senza particolari segni ed escoriazioni è ovviamente sinonimo di cura da parte del vecchio utente.


Per le ottiche, il discorso è un pò più semplice. Se verificata la funzionalià dell'autofocus, la regolare morbidezza e corsa delle ghiere, la mancanza di graffi sulla lente frontale e posteriore, possiamo stare abbastanza tranquilli.
Per acquisti abbastanza importanti consiglio di accordarsi per una prova, e nel caso di vendite private farsi consegnare scontrino e qualsiasi altro documento di vendita originale, anche a garanzia scaduta.

I prezzi dell'usato, inoltre, variano da marca a marca, e da modello a modello. Incidono molti fattori, tra cui la reperibilità (anche nel mercato del nuovo), la richiesta, la marca etc... obiettivi originali professionali, ad esempio si deprezzano molto lentamente nel tempo (in qualche caso rarissimo aumentano per valore collezionistico), mentre marche come Sigma e Tamron soffrono molto la svalutazione (un bene per chi compra, un pò meno per chi deve vendere).

L'acquisto usato di materiale presso un rivenditore prevede anche una copertura di garanzia da parte di questi. Anche per questo motivo l'usato preso in negozio costa di più, ma  la sicurezza di poter gestire il post vendita credo valga più di un piccolo risparmio iniziale.

Punto a favore ulteriore se il prodotto è di importazione ufficiale italiana. Spesso alcuni centri assistenza, terminato il periodo legale in cui riconoscere la garanzia, si rifiutano di riparare prodotto di importazione straniera: trovarsi in panne con una lente o una macchina da migliaia di euro e non sapere dove farla riparare può essere un problema non da poco. 
Con un pò di attenzione si possono fare però piccoli grandi affari. Basta usare un pò di buon senso e non lasciarsi trarre in inganno da troppo facili risparmi.

Nessun commento:

Posta un commento

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.