// Fermi tutti... arriva Canon!!!

L'ultimo grande assente nel mercato delle macchine fotografiche di nuova generazione, compatte ad obiettivi intercambiabili, ha finalmente tolto il veto e mostrato il suo prodotto al mondo. 
Le nuove EOS-M di Canon arriveranno giusto in tempo per le vendite natalizie per contrastare la concorrenza.






Generalmente non mi definisco un fan-boy, ma in alcuni casi mi piace sostenere vigorosamente le mie scelte (altrimenti non le avrei fatte, a rigor di logica), ed ecco quindi sorgere le ovvie perplessità.

Attualmente i due grandi da contrastare sono Nikon (più sul fronte del marketing che della qualità a dire il vero) e il sistema M4/3 di Olympus-Panasonic (l'unico vero sistema degno di tale nome, ad oggi, che offre un vero parco ottiche di qualità professionale). Sony attualmente produce corpi macchina di grande qualità ma pare essersi dimenticata che servano anche le lenti. Samsung è invece in un limbo per gli stessi motivi di Sony con qualche aggravante.

Canon si butta nella mischia facendo il verso un pò a tutti, cercando di uscire con un prodotto che interessi tutti. Lo rende accattivante nei colori, ma con un sensore di grosse dimensioni non come Nikon e il suo miserrimo formato CX. Uno dei grandi vantaggi del sistema m4/3 è prorpio quello della continuità del sensore. Adattatore a parte un ottica 4/3 resta identica anche sul micro4/3 (cosa che non avviene su Nikon ad esempio).

Il problema principale di Canon, come anche Nikon del resto,sarà quello di crere da zero un sistema che non esisteva. A pensarci bene, fin ora, i due colossi giapponesi hanno vissuto di rendita sin dai tempi della pellicola, migliorando, aggiornando, e in taluni caso solo adattando ottiche già esistenti. Gran parte del successo dei due sistemi è dovuto proprio alla continuità col passato.
Ma ora? Ora sono chiamati non solo a sviluppare da zero qualcosa, ma anche a farlo durare nel tempo, per lo meno una decina di anni per giustificare, agli occhi dei clienti, l'esborso richiesto. E di questi tempi, questo non assolutamente uno scherzo.

Olympus e Panasonic sono partite con netto anticipo in questo settore, scatenando prima l'ilarità generale, e adesso non poche preoccupazioni, perchè se è vero che in Italia il mercato EVIL è irrisorio ancora, nel resto d'europa, asia e Usa i numeri son ben diversi. Non fermiamoci quindi ad osservare cosa succede nel nostro Paese, da sempre poco rapido alle novità (a meno che non si parli di cellulari).
I numeri di Amazon e altri importanti portali di vendita sono abbastanza esplicativi in tal senso.


Sarà interessante vedere come Canon affronterà la sfida, più che sul fronte qualità, su quello della continuità e della flessibilità del corredo.
Sony ha avuto un ottimo prodotto fin dalla prima release, ma continua a sfornare corpi macchina ogni tre mesi senza migliorare il piccolissimo parco ottiche che tra l'altro gode di una pessima distribuzione. Non è quindi la qualità che fa vincere un sistema.
Panasonic e Olympus si apprestano a lanciare la loro 4a generazione di mirrorless: questo significa che hanno avuto il tempo, e i feedback giusti per poter migliorare esponenzialmente il loro prodotto, e le ultime incarnazioni lo dimostrano ampiamente. OM-D è acclamata come una delle migliori macchine digitali di tutti i tempi, e la nuova GH3 non sembra essere da meno. E le ottiche? Con un sistema-standard compatibile possiamo contare oltre 30 obiettivi di eccellente qualità, che vanno dall'economico al professionale, che non temono confronti diretti con ottiche ben più blasonate.

Canon annuncia il suo nuovo sistema con il "solito" 18-55  e un pancake eq a 35mm. Per il lancio possono andar bene, ma entro quando il corredo diventerà completo? Entro quando ci saranno ottiche di qualità per tutti i gusti? Nikon a quasi un anno dal lancio non ha altro che 3 ottiche e nessun annuncio ancora a riguardo. Il potenziale di un sistema è nel "sistema" stesso. Vincerà questa importante battaglia chi saprà dare continuità al proprio sistema e dimostrare che non si stanno buttando soldi scegliendo il proprio marchio. Qualcuno ha già fallito in questo. 

Vediamo che succederà ora che il panorama dei concorrenti è completo. L'esito non è affatto scontato.

2 commenti:

  1. "Canon si butta nella mischia facendo il verso un pò a tutti, cercando di uscire con un prodotto che interessi tutti."

    Ma soprattutto i suoi utenti, creando una evil compatibile con le ottiche EF, cosa fondamentale per scardinare il mercato già affollato.
    Da nikonista invidio molto questa cosa,
    se avessi un parco ottiche canon al momento dell'acquisto di una evil non avrei dubbi anche se il mercato offre prodotti come la OM-D

    RispondiElimina
  2. Indubbiamente l'approccio Canon è più intelligente di quello nikon. In ogni caso i due colossi si trovano nella situazione di non poter fare concorrenza ai sistemi reflex da loro stessi prodotti. Sono quindi "costretti" a non offrire medesime prestazioni. in ogni caso il fatto di poter usare le stesse ottiche senza crop paurosi (vedi nikon) è già un punto a favore per Canon.
    Olympus ha chiaramente detto da tempo che manterrà la linea professionale di reflez, mentre il resto del mercato sarà delle PEN e OMD a questo punto... Canon e nikon hanno nu catalogo talmente ed inutilmente vasto al momento che dubito proporranno mai una mirrorless che vada meglio di una loro stessa reflex. In ogni caso vedremo. le nikon 1 sono altamente deludenti. vedremo queste.
    attualmente una ottima GF2 o una EPL1 la si porta via con meno della metà del prezzo e fanno immagini eccellenti

    RispondiElimina

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.