// Nikon fa la figuraccia.. anzi due.

Fino a qualche anno fa, pur non essendo un loro cliente ed utilizzatore, provavo ammirazione verso la gestione del mercato da parte di Nikon. Contrariamente a Canon, infatti, il colosso nipponico sembrava non aver mai fretta di buttar fuori un modello nuovo di un prodotto.
Evidentemente qualcosa nella politica aziendale deve essere cambiato perchè, soprattutto negli ultimi mesi, si assiste ad una corsa verso gli armamenti come mai prima.



Vengono sfornate a ritmo continuo nuove versioni di Nikon 1 (senza alcuna apparente differenza tra loro che ne giustifichi l'esistenza visto che in quanto ad obiettivi siamo ancora nella preistoria del sistema) ma anche nel settore Reflex le cose non stanno andando meglio.
La D5200 ha rimpiazzato la D5100 molto più velocemente di quanto avesse fatto la D5100 con la D5000 e, assurdo, dopo neanche un anno (magari un anno!! stiamo parlando di pochissimi mesi!) ecco arrivare la D5300. Follia pura. La motivazione? Rimozione del filtro AA. 
Io lo avevo scritto già tempo fa, la D5200 è stata una macchina fantasma: annunziata, sbandierata ma mai testata fino in fondo (la prima macchina Nikon senza sensore Sony da diversi anni... mi vien da pensare che "forse" sto nuovo sensore non era poi così eccezionale) e le vendite hanno seguito, almeno per quanto riguarda la mia esperienza diretta, questo trend: repentini abbassamenti di prezzo, offerte su offerte: non è stata una macchina di successo come le due precedenti (e giustamente, visto che le novità non erano assolutamente giustificate dal prezzo proposto).
Evidentemente, piuttosto che salvare la barca che affonda, la Nikon ha ben pensato di ucciderla definitivamente annunciando (e commercializzando di già) la D5300.


Ma non è tutto qui. Anzi, questo sarebbe il male minore se non fosse che la casa giapponese ha pensato di fare la stessa cosa con un altro modello, ancora più sfigato: la D600. Peccato che questa sia una "macchinetta" da circa 2000€!! I problemi di questa versione sono ormai noti a tutti, ma solo ORA Nikon ha ammesso il problema e ha attivato una procedura ufficiale per il rientro dei prodotti "difettosi" (sensore che si macchia man mano che si scatta per via di fuoriuscite lubrificanti, pare, dall' otturatore). Bella mossa, davvero! Non solo han propinato un prodotto difettoso in larga scala alla loro clientela ma per rincarar la dose se ne escono, a neanche un anno di distanza con il nuovo modello che in pratica risolve (si spera) questo problema con un nuovo otturatore... Cornuti e mazziati, insomma, gli ignari acquirenti che sulla fiducia hanno preso questo corpo macchina lo scorso anno al momento dell'uscita, inebriati all'idea di un Full Frame economico (economico in cosa non l'ho mai capito, visto che costa come la vecchia D700). La cosa molto triste è che anche nel mercato dell'usato, un oggetto del genere è praticamente spacciato. Una macchina nata difettosa, sostituita in tempo record (se consideriamo che la D300s è ancora in commercio e a listino da...4-5 anni ormai e non ancora sostituita viene parecchio da pensare...) è un chiaro segno di chi insegue senza aver nessuna proposta o progetto interessante nel cassetto. 

Nessun commento:

Posta un commento

Si prega di lasciare commenti riguardanti gli articoli e le immagini pubblicati. Mi riservo la facoltà di eliminare messaggi di altro tipo.